Citazioni

Jill Bolte Taylor
Il 10 dicembre 1996 […]

Il 10 dicembre 1996, poco prima di mezzogiorno, l’attività elettrica della mia massa molecolare si fece debolissima e, quando sentii l’energia venir meno, la mia mente cognitiva rinunciò al suo legame con i meccanismi fisici del corpo e al controllo che esercitava su di essi.
Sprofondata in una sorta di sacro bozzolo, la mente silenziosa e il cuore tranquillo, sentii tutta l’enormità della mia perdita di energia.
Il corpo si afflosciò e la coscienza si mise a vibrare più lentamente.
Capii con estrema chiarezza di non essere più il coreografo della mia vita.
Privata della vista, dell’udito, del tatto, dell’odorato, del gusto, ma anche della paura, sentii il mio spirito abbandonare ogni legame con il corpo, e fui libera dal dolore.

La neuroscienziata Jill Bolte Taylor ci racconta la sua incredibile esperienza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!