Jill Bolte Taylor
Esistevo in uno spazio remoto […]

Jill Bolte Taylor Esistevo in uno spazio remoto […]

Jill-Bolte-Taylor-Esistevo-in-uno-spazio-remoto...Esistevo in uno spazio remoto, lontanissimo dal mio modo normale di elaborare le informazioni: l’ «io» che ero divenuta negli anni, mi era chiaro, non era sopravvissuto alla catastrofe neurologica.
La dottoressa Jill Bolte Taylor era morta quel mattino.
Ma, allora, chi restava? […]
Nella mia mente, dal mio nuovo punto di vista, lei era morta quel mattino e non esisteva più.
Non sapendo più nulla della sua vita, delle sue relazioni, dei suoi successi e fallimenti, non ero più vincolata alle sue decisioni né·ai suoi limiti. […]
Per tutti i trentasette anni della mia vita mi ero dedicata con entusiasmo a «fare, fare, fare» a un ritmo frenetico.
Quel giorno speciale imparai il significato di «essere» e basta.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su stumbleupon
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su tumblr
Condividi su email
Condividi su print

Vuoi leggere altro?

Copyright © 2003-2018 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Fammi conoscere ai tuoi amici

Shares