Italo Calvino
C’è una linea di confine […]

Italo Calvino C’è una linea di confine […]
Page 2

C’è una linea di confine: da una parte ci sono quelli che fanno i libri, dall’altra quelli che li leggono.
Io voglio restare una di quelli che li leggono, perciò sto attenta a tenermi sempre al di qua di quella linea.
Se no, il piacere disinteressato di leggere finisce, o comunque si trasforma in un’altra cosa, che non è quella che voglio io.
È una linea di confine approssimativa che tende a cancellarsi: il mondo di quelli che hanno a che fare coi libri professionalmente è sempre più popolato e tende a identificarsi col mondo dei lettori.
Certo, anche i lettori diventano più numerosi, ma si direbbe che quelli che usano i libri per produrre altri libri crescono di più di quelli che i libri amano leggerli e basta.
So che se scavalco quel confine, anche occasionalmente, per caso, rischio di confondermi con questa marea che avanza; per questo mi rifiuto di metter piede in una casa editrice, anche per pochi minuti.

Lascia un commento

Il Tuo Indirizzo Email non sarà pubblicato.

*

Copyright © 2003-2020 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!