Citazioni

Gibran
Il Profeta – Sul dare

Sul dare

Allora un uomo ricco disse:
Parlaci del Dare.
E lui rispose:
Date poca cosa se date le vostre ricchezze.
È quando date voi stessi che date veramente.
Che cosa sono le vostre ricchezze
se non ciò che custodite e nascondete
nel timore del domani?
E domani, che cosa porterà il domani
al cane troppo previdente
che sotterra l’osso nella sabbia senza traccia,
mentre segue i pellegrini alla città santa?
E che cos’è la paura del bisogno
se non bisogno esso stesso?
Non è forse sete insaziabile
il terrore della sete quando il pozzo è colmo?
Vi sono quelli che danno poco
del molto che possiedono e per avere riconoscimento,
e questo segreto desiderio contamina il loro dono.
E vi sono quelli che danno tutto il poco che hanno.
Essi hanno fede nella vita e nella sua munificenza,
e la loro borsa non è mai vuota.
Vi sono quelli che danno con gioia
e questa è la loro ricompensa.
Vi sono quelli che danno con rimpianto
e questo rimpianto è il loro sacramento.
E vi sono quelli che danno senza rimpianto né gioia
e senza curarsi del merito.
Essi sono come il mirto che laggiù nella valle
effonde nell’aria la sua fragranza.
Attraverso le loro mani Dio parla,
e attraverso i loro occhi sorride alla terra.
È bene dare quando ci chiedono,
ma meglio è comprendere e dare
quando niente ci viene chiesto.
Per chi è generoso, cercare il povero
è gioia più grande che dare.
E quale ricchezza vorreste serbare?
Tutto quanto possedete un giorno sarà dato.
Perciò date adesso,
affinché la stagione dei doni possa essere vostra
e non dei vostri eredi.
Spesso dite:
“Vorrei dare ma solo ai meritevoli”.
Le piante del vostro frutteto non si esprimono così
né le greggi del vostro pascolo.
Esse danno per vivere,
perché serbare è perire.
Chi è degno di ricevere i giorni e le notti,
è certo degno di ricevere ogni cosa da voi.
Chi merita di bere all’oceano della vita,
può riempire la sua coppa al vostro piccolo ruscello.
E quale merito sarà grande quanto la fiducia,
il coraggio, anzi la carità che sta nel ricevere?
E chi siete voi perché gli uomini vi mostrino il cuore,
e tolgano il velo al proprio orgoglio
così che possiate vedere il loro nudo valore
e la loro imperturbata fierezza?
Siate prima voi stessi degni di essere colui che da
e allo stesso tempo uno strumento del dare.
Poiché in verità è la vita che da alla vita,
mentre voi, che vi stimate donatori,
non siete che testimoni.
E voi che ricevete – e tutti ricevete –
non permettete che il peso della gratitudine
imponga un giogo a voi e a chi vi ha dato.
Piuttosto i suoi doni siano le ali su cui volerete insieme.
Poiché preoccuparsi troppo del debito
è dubitare della sua generosità
che ha come madre la terra feconda,
e Dio come padre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!