Ferdinando Camon
Perché leggere

Ferdinando Camon Perché leggere

Chi vive, vive la propria vita.
Chi legge, vive anche le vite altrui.
Ma poiché una vita esiste in relazione con le altre vite, chi non legge non entra in questa relazione, e dunque non vive nemmeno la propria vita, la perde.
La scrittura registra il lavoro del mondo.
Chi legge libri e articoli, eredita questo lavoro, ne viene trasformato, alla fine di ogni libro o di ogni giornale è diverso da com’era all’inizio.
Se qualcuno non legge libri né giornali, ignora quel lavoro, è come se il mondo lavorasse per tutti ma non per lui, l’umanità corre ma lui è fermo.
La lettura permette di conoscere le civiltà altrui.
Ma poiché la propria civiltà si conosce solo in relazione con le altre civiltà, chi non legge non conosce nemmeno la civiltà in cui è nato: egli è estraneo al suo tempo e alla sua gente.
Un popolo non può permettersi di avere individui che non leggono.
È come avere elementi a-sociali, che frenano la storia. O individui non vaccinati, portatori di malattie.
Bisogna essere vaccinati per sé e per gli altri.
Perciò leggere non è soltanto un diritto, è anche un dovere.
Nelle relazioni tra i popoli, la prima e più importante forma di solidarietà è dare informazioni: mai l’altro dev’essere convertito alla nostra supposta superiorità, ma sempre messo in condizioni di scegliere tra le sue informazioni e le nostre.
Quando una cultura si ritiene nella fase di superiorità tale che tutte le altre culture devono apprendere da lei, per il loro bene, e lei non può apprendere da nessuna, comincia la sua decadenza.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su stumbleupon
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su tumblr
Condividi su email
Condividi su print

Vuoi leggere altro?

Giovanni Pascoli
Melanconia

Al crepuscolo canta un cardellino
mentre ch’io penso, amici, all’avvenire:
sembrano i pioppi, mentre ch’io cammino,
nell’infinita opacità fuggire. […]

Avanti»

Copyright © 2003-2018 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci