Citazioni

Fabio Volo
Il mio lavoro […]

Il mio lavoro mi rendeva uguale a tutti gli altri.
Non mi permetteva di esprimermi.
Ero sostituibile come un bullone di una macchina, e questo condizionava tutti i miei rapporti.
Perché poi la sera, quando tornavo a casa, avevo voglia di stare con una persona che mi avesse scelto.
Volevo essere scelto! Volevo una persona che voleva me.
Una persona per la quale io non potevo essere sostituito da un giorno con l’altro.
Una persona che mi facesse sentire speciale.
Diverso da tutti. Un individuo.
Una persona. Un principe azzurro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!