Citazioni

Erich Fromm
Per sua natura la tenerezza […]

Per sua natura la tenerezza è qualcosa di fondamentalmente diverso dalla sessualità, dalla fame o dalla sete.
Da un punto di vista psicologico pulsioni come la sessualità, la fame e la sete sono caratterizzate da una dinamica autopropulsiva: crescono d’intensità fino a quando non raggiungono un punto culminante in cui vengono soddisfatte e, per il momento, non si desidera nient’altro.
La tenerezza appartiene ad un altro tipo di pulsione.
Non è autopropulsiva, non ha scopo, non ha un punto culminante e non termina bruscamente.
Trova il suo soddisfacimento nell’atto in sé, nella gioia d essere cordiali e affettuosi, di prestare attenzione, rispettare un’altra persona e renderla felice.
Considero la tenerezza una delle esperienze più gioiose e positive.
La maggior parte degli uomini sono anche capaci di tenerezza e non la associano all’altruismo o al sacrificio di sé.
Solo per chi è incapace di tenerezza questa costituisce un sacrificio.
Ho l’impressione che nella nostra cultura ci sia poco spazio per la tenerezza.
Ma quante volte in un film troviamo manifestazioni di vera tenerezza tra i sessi o tra adulti e bambini o tra essei umani?
Infatti non si intende affermare che siamo incapaci di tenerezza, ma solo che la nostra cultura scoraggia la tenerezza, e ciò dipende in parte anche dal fatto che è orientata a uno scopo: tutto ha un suo scopo, tutto ha una sua precisa meta che deve essere raggiunta.
Il nostro primo impulso è sempre quello di raggiungere qualcosa.
Siamo poco interessati al processo vitale in sé che si esaurisce nel vivere, nel mangiare o nel bere o nel dormire o pensare o provare un sentimento o vedere qualcosa.
Se la vita non persegue alcun fine, allora ci sentiamo insicuri, ci chiediamo a che cosa serva.
Anche la tenerezza non ha alcun fine.
Non ha il fine fisiologico di dare sollievo o una soddisfazione repentina come avviene nella sessualità.
La tenerezza non ha altro fine se non di godere di un sentimento di calore, piacere, sollecitudine nei confronti di un’altra persona.
È questo il motivo per cui temiamo la tenerezza.
Gli esseri umani – specialmente gli uomini – provano disagio quando manifestano apertamente tenerezza.
E, inoltre, il tentativo di negare le differenze tra i sessi e di omologare uomini e donne ha impedito alle donne di mostrare tutta la tenerezza di cui sono capaci e che costituisce un tratto specificamente femminile.

Letta da Giancarlo Cattaneo – Parole|Note

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!