Citazioni

Dostoevskij
Meno male che soffrono poco […]

«Meno male che soffrono poco» osservò, «quando la testa salta via.»
«Sapete che vi dico?» riprese il principe con ardore, «ecco, voi l’avete notato, esattamente come lo notano tutti, e la macchina, la ghigliottina, è pensata proprio per questo.
Ma a me, allora, venne in mente un altro pensiero: e se fosse anche peggio?
A voi la cosa può sembrare ridicola, bizzarra, ma con un po’ d’immaginazione può venire in testa anche questo.
Pensate un po’, per esempio, alla tortura: ci sono sofferenze e ferite, c’è il tormento fisico, e tutto ciò dovrebbe distrarre dalle sofferenze dell’anima, perché si soffre soltanto per le ferite fino a che non si muore.
Ma il dolore essenziale, quello più forte, forse, non è quello delle ferite, è il sapere con certezza che fra un’ora, poi fra dieci minuti, poi fra mezzo minuto, poi adesso, ecco, proprio ora, l’anima vola via dal corpo, e tu come persona non esisterai più, e questo ormai con certezza.
La cosa più importante, ecco, è questa certezza.
Ecco, come metti la testa sotto la lama e la senti scivolare sopra la testa, ecco, questo quarto di secondo è il più terribile.
E sapete che questa non è una mia fantasia, ma che l’hanno detto in molti? Io ci credo a tal punto, che vi dirò schiettamente la mia opinione.
Uccidere per un’uccisione è una punizione incomparabilmente più grande dello stesso delitto.
L’omicidio su sentenza è incomparabilmente più orribile dell’omicidio del delinquente.
Chi viene ucciso dai briganti viene sgozzato di notte, in un bosco, o da qualche altra parte, e fino all’ultimo momento spera di salvarsi.
Ci sono esempi di persone che avevano già la gola tagliata e speravano ancora o correvano, o pregavano.
Qui invece quest’ultima speranza, con la quale morire è dieci volte più leggero, la tolgono con certezza.
Qui esiste una sentenza, e nel fatto che con certezza non sfuggirai sta tutto l’orribile tormento, e un tormento più forte al mondo non esiste.
Voi potete mettere un soldato davanti a un cannone in combattimento, e sparargli addosso, e lui continuerà a sparare, ma leggete a questo stesso soldato una sentenza che lo condanna con certezza, e lui impazzirà o si metterà a piangere.
Chi ha detto che la natura umana è capace di sopportare questo senza impazzire?
Perché un simile oltraggio mostruoso, non necessario, inutile?
Forse esiste anche una persona a cui hanno letto la sentenza, è stato dato il tempo di tormentarsi, e poi le hanno detto: “Vattene, sei graziato”.
Ecco, forse quell’uomo potrebbe raccontarlo.
Anche Cristo ha parlato di questo tormento, di questo orrore.
No, non si può agire così con un uomo!»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!