Citazioni

Don Andrea Gallo
«Gallo, dal magnifico Rettore» […]

Se ci penso vedo ancora il professore nella grande aula magna, gremita di studenti.
«Finis principalis matrimoni procreatio est, ad secundum re medium concupiscientiae»: fine principale del matrimonio, la procreazione; secondo fine, rimedio alla concupiscenza; solo terzo, l’amore tra i coniugi.
Era ancora una concezione piuttosto medioevale.
Il fine principale della Chiesa deve essere l’insegnamento dell’amore, anche nel sacramento del matrimonio.
I ministri sono gli sposi perché sono loro che dicono di sì.
Io intervenivo: «L’amore non viene prima di tutto?
La maternità responsabile, la scelta degli sposi che da soli si devono amministrare?
Io credo assolutamente nell’etica della responsabilità».
E immancabilmente la risposta era:
«Gallo, dal magnifico Rettore».
Durante la preparazione per diventare confessore dicevano sempre:
«Quando confessate dovete chiedere: ti tocchi? Quando ti tocchi senti piacere? Se risponde sì è peccato».
Avevamo tutti tra i venticinque e i trentacinque anni.
Io ribattevo:
«Scusi, mi vuole spiegare: se uno prova piacere come fa a essere peccato? È possibile che il Padreterno sia lì a sorvegliare?»
«Gallo, dal magnifico Rettore» la risposta.
Quello che mancava era l’educazione sessuale, abbondava, invece, il moralismo.
Da allora non è cambiato nulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!