Cirinna – Garrone
Dello straordinario rapporto […]

Cirinna – Garrone Dello straordinario rapporto […]

Dello straordinario rapporto tra il re più saggio dell’antichità, Salomone, e il suo amico gatto sappiamo tutto da un racconto medievale, redatto da mano ignota intorno all’anno Mille.
La storia si intitola Salomone e Marcolfo, ed è il racconto di un serrato dibattito tra il re pieno di sapienza e di gloria e un contadino sgraziato (dicono che avesse una fronte rossa e rugosa oltre a una grande testa) ma ricco di astuzia e molto, molto eloquente.
L’argomento della disputa era estremamente complesso: è più forte l’istinto, la natura o la cultura? […]

“Re Salomone prese posto a tavola attorniato dai suoi familiari e cortigiani.
Marcolfo si sedette con loro e nascose tre topi nella manica della sua tunica.
In effetti, alla corte del re vi era un gatto vestito che, ogni sera, durante la cena regale, doveva reggere una candela davanti a tutti, restando in piedi su due zampe e tenendo nelle altre due una lampada.
Poco prima della fine del pasto Marcolfo liberò uno dei topi; vedendolo il gatto voleva inseguirlo, ma venne trattenuto da un mormorio di disapprovazione del re.
Lo stesso accadde per il secondo topo, per cui Marcolfo liberò anche il terzo: allora il gatto, incapace di frenarsi ancora, gettò la candela e si mise a correre dietro al sorcio finché non lo prese.
Allora l’astuto contadino disse a Salomone:
«Ecco, mio re, ti ho dimostrato che la natura è più forte dell’istruzione».”

Da “Salomone e Marcolfo”

Lascia un commento

Il Tuo Indirizzo Email non sarà pubblicato.

*

Copyright © 2003-2020 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!