Citazioni

Bruno Ferrero
Il filo del ragno

Uno strozzino morì. Per tutta la vita, egoista e spergiuro, aveva accumulato ricchezze sfruttando i poveri e carpendo la buona fede del prossimo.
La sua anima cadde nel profondo baratro dell’inferno, che le avvampò tutt’intorno.
Gridò allora: “Giudice supremo delle anime, aiutami.
Concedimi una sosta, fa’ sì che ritorni sulla terra e ponga rimedio alla mia condanna!”.
Il Giudice supremo lo udì e chinandosi dall’alto sul baratro dell’inferno chiese: “Hai mai compiuto un’opera buona, in vita, cosicché ti possa aiutare adesso?”.
L’anima dello strozzino pensò a tutto quel che aveva fatto in vita, e più pensava e meno riusciva a trovare una sola azione buona in tutta la sua lunga esistenza.
Ma alla fine si illuminò e disse: “Sì, Giudice supremo, certo! Una volta stavo per schiacciare un ragno, ma poi ne ebbi pietà, lo presi e lo buttai fuori dalla finestra!”.
“Bravo! – rispose il Giudice supremo. – Pregherò quel ragno di tessere un lungo filo dalla terra all’inferno, e così ti ci potrai arrampicare”.
Detto fatto. Non appena il filo di ragno la toccò, l’anima dello strozzino cominciò ad arrampicarsi, bracciata dopo bracciata, del tutto piena d’angoscia perché temeva che l’esile filo si spezzasse.
Giunse a metà strada, e il filo continuava a reggere, quando vide che altre anime s’erano accorte del fatto e cominciavano ad arrampicarsi anch’esse lungo lo stesso filo.
Allora gridò: “Andate via, lasciate stare il mio filo. Regge solo me. Andatevene, questo filo è mio!”.
E proprio in quel momento il filo si spezzò, e l’anima dello strozzino ricadde nell’inferno.
Infatti il filo della salvazione regge il peso di centomila anime buone, ma non regge un solo grammo d’egoismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!