Autore-Poeta: Salvatore Quasimodo

Salvatore Quasimodo Vento a Tindari

Tindari, mite ti so fra larghi colli pensile sull’acque delle isole dolci del dio, oggi m’assali […]

Salvatore Quasimodo Galatea, Acis, Poliphemus

L’inquieta Cariddi infuria sulla riva d’occidente, Scilla sull’opposta riva. L’una attira e divora le navi e le ributta, l’altra cinge…

Salvatore Quasimodo Cyparissus

Nella distesa piana priva d’ombra, sulla cima d’un colle verde d’erba tenera, giunse Orfeo, e tocccò le corde della cetra:…

Salvatore Quasimodo Epitaffio per Bice Donetti

Con gli occhi alla pioggia e agli elfi della notte, è là, nel campo quindici a Musocco, la donna emiliana…

Salvatore Quasimodo Dare e avere

Nulla mi dài, non dài nulla tu che mi ascolti. Il sangue delle guerre s’è asciugato, il disprezzo è un…

Salvatore Quasimodo Sentieri velati

Sentieri velati da un tratto di eterno: basole fra scorci di storica passione; […]

Salvatore Quasimodo Oboe sommerso

in questa mia ora di sospirati abbandoni. Un òboe gelido risillaba gioia di foglie perenni, […]

Salvatore Quasimodo Vita nascosta

Filtra l’ora e lo spazio e non ha luce presagio nell’abbandono dell’erbe; […]

Salvatore Quasimodo Già la pioggia è con noi

Già la pioggia è con noi, scuote l’aria silenziosa. Le rondini sfiorano le acque spente […]

Salvatore Quasimodo S'ode ancora il mare

Già da più notti s’ode ancora il mare, lieve, su e giù, lungo le sabbie lisce. Eco d’una voce chiusa…

Copyright © 2003-2019 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci

Pin It on Pinterest