Autore-Poeta: Giovanni Pascoli

Giovanni Pascoli La morte del ricco

Ha il prete a lato, e il nembo urla di fuori: un sinedrio d’ombre incappucciate accusate! accusate! — Sorge una…

Giovanni Pascoli Calendimaggio

Ben venga Maggio e il gonfalon selvaggio! Ma è una selva che si svelle, la selva che da sè si…

Giovanni Pascoli La gatta

Era una gatta, assai trita, e non era d’alcuno, e, vecchia, aveva un suo gattino. Ora, una notte, (su per…

Giovanni Pascoli Addio

Carissime sorelle, io parto io vado; ma sento che il mio cuor vuol rimanere. Rimanere egli vuol, né mio malgrado;…

Giovanni Pascoli Il vento

Nell’aria grigia e morta c’è un’onda di lamento. Qualcuno urta la porta: — Avanti! passi! — È il vento. […]

Giovanni Pascoli Melanconia

Al crepuscolo canta un cardellino mentre ch’io penso, amici, all’avvenire: sembrano i pioppi, mentre ch’io cammino, nell’infinita opacità fuggire. […]

Giovanni Pascoli La povera piccina

Nella sua bara, povera piccina, posan due fiori, e marciran pur lì, una stelletta alpina e il fior de’ suoi…

Giovanni Pascoli La mia malattia

I L’altr’anno, ero malato, ero lontano, a Messina: col tifo. All’improvviso udivo spesso camminar pian piano, […]

Giovanni Pascoli Giovannino

In una breccia, allo smorir del cielo, vidi un fanciullo pallido e dimesso. Il fior caduto ravvisò lo stelo; io…

Giovanni Pascoli Foglie morte

Oh! che già il vento volta e porta via le pioggie! Dentro la quercia folta ruma le foglie roggie […]

Copyright © 2003-2019 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci

Pin It on Pinterest